Fermare la sclerosi multipla è possibile soltanto insieme: attiva una donazione regolare e combatti al nostro fianco.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di VeganFriendly!
Si è verificato un errore!

Le storie di chi combatte la SM ogni giorno: Cinzia

Ogni giorno, mi alzo alle sette meno un quarto. Sveglio le mie bambine, le aiuto a prepararsi e poi esco per qualche commissione. Torno a casa in tempo per preparare il pranzo, poi vado prendere la figlia più piccola a scuola. Qualche volta andiamo al lago, altre volte mi concedo un pomeriggio con le amiche. Una volta a settimana, la palestra. Un altro giorno a settimana, la fisioterapia. Perché oltre ad essere una mamma, sono affetta dalla sclerosi multipla e da anni combatto tutti i giorni per non fermarmi.


Tutto è cominciato quasi dieci anni fa, quando ero incinta. Dopo la diagnosi ho continuato a lavorare come igienista dentale ma presto mi sono resa conto che la fatica era troppa. Allora sono diventata una mamma a tempo pieno, una scelta che si è rivelata bellissima: ho recuperato tutti quei piccoli momenti di vita familiare che mi ero persa. La mia famiglia emana vibrazioni positive. La malattia non è un mistero, ma si affronta insieme.

Ogni tre mesi raggiungo Varese per degli esami. Da poco sto sperimentando una nuova cura, fiduciosa che presto potrò stare in piedi un po’ di più.


Io ho scelto di non fermarmi.
E tu? Sostieni AISM e aiuta tante persone come me.

Dona ora

Condividi su